Uscita Nexus 6 a Natale in Italia? Utopia per troppi acquirenti

Google sembra essere in grave difficoltà. Scopriamo i dettagli di una situazione ormai divenuta intricata

2
CONDIVISIONI

In verità, mai avrei pensato che Google avesse incontrato tante difficoltà nella distribuzione del suo Nexus 6, sia per i forti investimenti fatti dalla casa produttrice per affermare il suo primo vero phablet, sia per l’esigenza del colosso americano di dare un chiaro segnale a tutte le altre case che si concentrano su device con determinate ambizioni al momento del lancio.

Non è un caso che questa mattina mi sia imbattuto in svariate segnalazioni da parte di utenti che hanno effettuato l’ordine del modello, con relativo esborso economico non certo di poco conto. Secondo quanto emerso dai feedback del target in questione, che certo non vive questi giorni con assoluta serenità, il Play Store aveva in un primo momento promesso la consegna entro metà mese, in particolare all’inizio di questa settimana, ma buona parte di coloro che hanno portato a termine questo processo ora non visualizzano alcun riferimento in termini di date.

Una situazione altamente frustante, visto che in molti avevano deciso di seguire questa strada per regalarsi o regalare un dono prettamente per le festività natalizie, senza considerare quello che a mio avviso rischia di essere un danno non di poco conto dal punto di vista dell’immagine aziendale.

Insomma, in un contesto altamente competitivo, se si pensa che nella sola stagione autunnale sono stati lanciati sul mercato dispositivi di autentici colossi, come nel caso dell’iPhone 6 Plus e del Samsung Galaxy Note 4, di certo questa non è la migliore partenza possibile per il Nexus 6, a maggior ragione se si pensa che i riscontri avuti dall’assistenza spesso e volentieri non sono stati ritenuti soddisfacenti dagli utenti. Quale sarà l’arma che Google utilizzerà per non bruciarsi un device come il nuovo Nexus 6?

Commenti (2):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.