Nexus 6 tra offerte e segnali sulla piena distribuzione: il punto in Italia

Quali sono i risvolti nel nostro Paese per quanto riguarda le promozioni e la distribuzione del popolare device?

5
CONDIVISIONI

Chi era alla ricerca di segnali incoraggianti per la distribuzione del nuovo Nexus 6 su larga scala ora potrà dirsi soddisfatto, visto che dal web giungono due notizie che la dicono lunga sulla volontà da parte di Google di svoltare sotto questo punto di vista, con effetti tangibili già nel corso delle festività natalizie.

In primo luogo, registriamo gli ultimi risvolti sul suo predecessore, il Nexus 5, praticamente finito fuori produzione, anche se lo stesso colosso di Mountain View ha dichiarato in queste ore che la distribuzione attraverso il Play Store andrà avanti per tutto il Q1 del 2015. Al dì là di questa nota ufficiale, comunque importante, resta il segnale inequivocabile relativo al fatto che il produttore prossimamente si concentrerà in modo esclusivo sul Nexus 6.

In secondo luogo, e ritengo questo trend ancora più incoraggiante per chi ha nel mirino un Nexus 6, cominciamo finalmente a scendere al dì sotto del prezzo di listino fissato da Google per le due versioni da 32 e 64 GB qui in Europa. Come molti sanno, si tratta di un argomento particolarmente delicato, visto che in tanti hanno polemizzato con l’azienda americana per aver aumentato in modo deciso i costi del dispositivo rispetto agli standard ai quali ci siamo abituati nel corso degli ultimi anni.

Stamattina ho notato all’interno dello store di Amazon France che il modello da 32 GB può essere già acquistato a 599 euro, vale a dire 50 euro in meno rispetto al prezzo di listino che è stato comunicato ufficialmente pochi giorni dopo la presentazione del modello. E voi cosa vi aspettate dalle offerte relative al Nexus 6 in occasione delle festività natalizie? Il rapporto tra qualità e prezzo comincerà finalmente ad essere più convincente per i potenziali acquirenti?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.