Musclenerd benedice il jailbreak iOS 8.1.1 di TaIG, si può fare anzi migliore di Pangu

Niente paura, il jailbreak iOS 8.1.1 è più che sicuro. MuscleNerd è il nuovo padrino di TaIG ma gli exploit sprecati restano.

7
CONDIVISIONI

Sul jailbreak iOS 8.1.1 Musclenerd rompe gli indugi. Il tool di sblocco di TaIG annunciato nel weekend non solo non è pericoloso ma potrebbe essere, per certi versi, migliore di quello dei colleghi cinesi del team Pangu. Facciamo il punto della situazione, grazie alle dichiarazioni via Twitter dello storico hacker, pubblicate solo qualche minuto fa.

Nella giornata di ieri, annunciandovi il jailbreak iOS 8.1.1 e iOS 8.2, vi avevamo segnalato come lo stesso MuscleNerd fosse molto scettico nei confronti del nuovo gruppo di esperti che si contrapponeva a Pangu, artefice del tool per iOS 8 e iOS 8.1. L’esperto esponente della vecchia guardia (lui si che fa parte del gruppo storico degli Evad3rs) aveva raccomandato cautela, suggerendo di attendere prima di procedere allo sblocco.

Se qualcuno aveva pensato che quella di MuscleNerd potesse essere solo invidia nei confronti del nuovo che avanza, dovrà pure ricredresi. Queste poche ore di distanza dalla penultima dichiarazione sono servite a testare realmente il jailbreak iOS 8.1,1 che ora è stato dichiarato sicuro. Nella quasi totalità dei casi, lo sblocco non dovrebbe comportare anomalie: unica eccezzione, gli iPhone di ultima generazione con lettore di impronte (dunque dall’iPhone 5S in poi) dove comunque i probabili errori sono di lieve entità.

Come se non bastasse, arriva anche la vera e propria benedizione sul jailbreak iOS 8.1.1 di TaIG dichiarato (nella sua versione untethered) più trasparente del tool di Pangu: come a dire, non abbiate paura di fare il salto tra le due procedure visto che non c’è nulla da perdere, anzi da guadagnare. Magari nelle prossime ore, sul tool sii pronunceranno altri hacker storici ma le parole di MuscleNerd sono già più che un’adeguata promozione allo sblocco.

Sicuro si ma resta un dubbio sull’attuale jailbreak iOS 8.1.1 che ricordo è compatibile anche con la prima Beta per gli sviluppatori  di iOS 8.2 (un fatto a dir poco straordinario nel settore): aver sprecato importanti exploit per bruciare sul tempo la concorrenza può essere considerata come una strategia troppo miope. Proprio MuscleNerd nella giornata di ieri aveva ipotizzato la presenza di un premio in denaro per chi avesse garantito per primo il tool e la motivazione economica, di certo, può essere l’unica spiegazione logica per così tanta celerità. I lunghi mesi di attesa dietro Pod2g e gli amici degli Evad3rs per un rilascio sono davvero un lontano ricordo!

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.