Estrema unzione anche per il Samsung Galaxy Nexus: sorpresa dal team Cyanogen

Per quale motivo il dispositivo non riceverà l'aggiornamento del sistema operativo Android L? Scopriamo le due motivazioni

9
CONDIVISIONI

Il Samsung Galaxy Nexus è stato uno dei device Android più apprezzati dal pubblico, soprattutto a cavallo tra lo scorcio finale del 2012 e l’inizio del 2013, quando il dispositivo ha fatto registrare un numero significativo di vendite nel nostro Paese.

Nonostante i feedback siano stati sempre particolarmente positivi da parte di chi ha deciso di acquistarlo, soprattutto dal punto di vista della tenuta, Google e Samsung hanno sospeso piuttosto velocemente il ciclo di update previsti per il modello, creando non pochi malumori di cui ho parlato qualche mese fa.

A gettare benzina sul fuoco, in queste ore, ci ha pensato un rappresentate del gruppo Cyanogen, secondo cui in futuro non vi saranno nemmeno delle ROM in grado di portare il sistema operativo Android L a bordo del device. Il paradosso sta nel fatto che i Nexus, in teoria, dovrebbero sempre godere di una corsia preferenziale sotto questo punto di vista.

MOTIVAZIONI – Secondo quanto riportato dall’esponente, la decisione sarebbe figlia di due motivazioni: in primis, il processore del device non consentirebbe ulteriori step evolutivi per le ROM; in secondo luogo (e a mio avviso è questo l’impedimento principale), nessuno tra gli sviluppatori del team è intenzionato a concentrarsi oltre su un modello ormai considerato datato.

UNICA SPERANZA – Seppur il versante CyanogenMod rappresenti l’alternativa più valida per coloro che sono alla ricerca di una nuova ROM in grado di migliorare l’esperienza di utilizzo del Samsung Galaxy Nexus, allo stesso tempo va detto che altre squadre di sviluppatori potrebbero avere un’idea diversa. Il team Paranoid, ad esempio, non ha ancora detto la sua su questa delicata vicenda, lasciando uno spiraglio aperto a chi intende sfruttare al massimo il proprio Samsung Galaxy Nexus per qualche altro mese.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.