“Ultimo giorno di riprese” – Giorno 21

Diario dal Set, come nasce un film: stiamo seguendo giorno per giorno le riprese del film ‘Ci devo pensare’, per la regia di Francesco Albanese. Il film è prodotto da Run Film e Rai Cinema. Ultimo giorno di riprese con Barbara Tabita e Mimmo Esposito

47
CONDIVISIONI

Ultimo giorno di riprese per la troupe di “Ci devo pensare”. E’ anche l’ultimo giorno di permanenza a Riardo e l’ultimo set è stato allestito all’interno della masseria Ferrarelle. Un altro fiore all’occhiello della cittadina casertana che ha scelto di ospitare tutto il cast per le gli ultimi ciak. Ci sarà anche un giorno di recupero ma per il calendario ufficiale del film la mattinata di oggi chiude l’esperienza dell’opera prima di Albanese. Per farlo la produzione ha scelto gli spazi verdi dell’area ristrutturata da Ferrarelle e resa un centro di eccellenza del vivere sano. Gli ultimi take sono dedicati al personaggio di Mimmo Esposito.

Si gira in aperta campagna e c’è anche una scena con Paola Verrazzo impegnata in una cavalcata che fa da apertura della sequenza. Per girare c’è bisogno del massimo silenzio ma visti gli spazi aperti è davvero difficoltoso ottenerlo. Soprattutto se nei pressi del set c’è un agricoltore che ha deciso di usare il trattore instancabile nel suo lavoro anche di sabato. In avanscoperta va Francesco Di Sarno per provare a convincerlo a smettere. La disponibilità del lavoratore permette agli attori di cominciare a registrare e la missione per la produzione sembra essere compiuta. Il problema è però il ritorno verso la masseria. Francesco deve passare attraverso diversi appezzamenti di terreno privati. A guardia di uno, in particolare, ci sono due cani da guardia decisi a non far passare nessuno sul proprio lembo di terra senza la presenza dei padroni.

Ci devo pensare - Giorno 21

Così al passaggio di Francesco cominciano ad inseguirlo senza pietà e il povero malcapitato non può fare altro che darsi alla fuga. A vederlo correre sembra un atleta provetto capace di scavalcare recinzioni a ripetizione come nei migliori film d’azione americani. In pochi secondi raggiunge così la masseria con tutta una serie di graffi dovuti al filo spinato di qualche rete di protezione e il viso trasfigurato per la paura, ma per il resto tutto bene e per la troupe c’è il sollievo che possa ancora raccontare a tutti la sua disavventura. Appena i ciak dedicati a Mimmo e Paola vengono esauriti si passa alle ultime riprese del film per Barbara Tabita. Anche per la sua scena l’ambientazione è completamente immersa nella natura in un vialetto in un’altra zona della masseria.

Dopo poche ore anche questa scene viene portata a casa e di fatto il film è finito così come l’esperienza e il ritiro riardino. Tra poche ore tutti i componenti della troupe potranno tornare dalle proprie famiglie non senza un pizzico di nostalgia. Nostalgia per tutti i componenti della crew che hanno reso possibile la realizzazione del film. A cominciare dalla produzione con i due produttori Alessandro e Andrea, sempre presenti e vicini ad ogni componente del progetto. Accanto a loro sempre anche Stefania passando per Andrea e Francesco capaci di trovare soluzioni a tutte le esigenze di ripresa, per Paola e Giovanna capaci di organizzare tutto alla perfezione, per Serena, Roberto e Francesco capaci di andare avanti e indietro sul set a bloccare persone o assistere gli attori in ogni momento e Barbara a seguire tutto dall’ufficio.

Ci devo pensare - Giorno 21-26

Nulla sarebbe potuto essere possibile senza tutto il reparto regia guidato da Francesco e da Sergio che è stato molto di più di aiuto regista col regista spesso in scena, e da Mimmo che con il suo occhio esperto ha dato il valore aggiunto che ad inizio progetto si era cercato inserendo la sua nuova figura. La precisione e l’occhio attento di Pina e l’impegno nel coordinare ed organizzare tutto di Francesco e Maddalena. Fino ad arrivare a Mara e Silvia che hanno curato e coccolato figurazioni e comparse da tutto il mondo. E poi gli occhi del film rappresentati dalla fotografia coordinata da Roberto che ha fatto notare il suo occhio e la sua passione in ogni singola immagine. Accanto a lui Gennaro sempre pronto a seguirlo durante le riprese e Martina con le sue corse avanti e indietro lungo il set con i battery packs della Red. E infine Valeria prima e Dalila poi che hanno permesso alla regia di vedere in diretta dal monitor ogni singolo take.

E poi gli elettricisti Nino e Francesco sempre pronti a posizionare luci e pannelli ovunque aiutati da Alessia.  I macchinisti coordinati da Aurelio, Enea e Peppe e il neo acquisto Francesco. Fondamentali anche le orecchie del film rappresentate da Simone e Luca la cui cura nella presa diretta del suono risparmieranno tanto lavoro di postproduzione. E poi il lavoro di allestimento degli scenografi capitanati da Antonella con Alessandro, pronto a mettere a posto tutto sul set o Fabio e Mario sempre vicini alla scenografa. Infine il look degli attori curato dalla costumista Teresa, aiutata da Maria e Federica, il parrucchiere Gino e la truccatrice Daniela. Da domani ogni singola persona mancherà all’altra con la certezza di aver fatto qualcosa di importante e la speranza di incontrarsi ancora sul prossimo set.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.