Come sfruttare al massimo lo schermo dell’LG G3? Prima svolta dal mondo app

Finalmente anche gli utenti LG G3 potranno sfruttare buona parte del potenziale del display. Il merito è di Youtube

5
CONDIVISIONI

Una piccola svolta, quella garantita in queste ore agli utenti che hanno deciso di investire dei soldi nell’acquisto di un modello come il cosiddetto LG G3. Uno dei plus concepiti  dal colosso coreano per i propri utenti consiste nello schermo QHD 2560×1440, per quella che ad oggi possiamo definire una risoluzione impareggiabile sul mercato degli smartphone.

Non è un caso che, in queste settimane, pochissime applicazioni siano state in grado di assicurare lo sfruttamento ideale di una risoluzione di questo tipo, al punto che da Google sono arrivati segnali espliciti in merito all’opportunità di realizzare applicazioni che fossero capaci di adattarsi a standard di questo tipo.

Come accennato, la svolta si è avuta nella giornata di oggi, visto che Youtube ha introdotto un update con il quale sarà possibile visualizzare i filmato anche a 1440p, in modo tale da sfruttare al massimo il plus della riproduzione dei video a 2K.

Inevitabile che siano pochissimi i documenti video che possono essere consultati al meglio con tale risoluzione, ma si tratta ugualmente di un passo in avanti estremamente importante e che, a mio avviso, potrebbe indurre anche altre applicazioni a seguire il medesimo percorso.

Del resto, la strada tracciata dall’LG G3 e dagli standard del suo schermo sarà per forza di cose seguita anche da altri modelli, alcuni dei quali potrebbero vedere la luce anche nel corso delle prossime settimane.

Insomma, che lo si voglia o meno lo standard del futuro a breve termine sarà questo e la novità riportata oggi dall’LG G3 è destinata ad essere replicata da notizie simili anche da altre grosse applicazioni. Saranno due mesi estremamente interessanti, dunque,  per chi ha deciso di portarsi a casa un device che sta riscuotendo un grande successo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.