Svelato il teaser di Do What U Want: il video di Lady Gaga non uscirà mai perché invita allo stupro

Ecco il leak del video di Do What U Want ft. R. Kelly. Finalmente svelato il motivo per cui Lady Gaga non lo ha mai diffuso: è un invito allo stupro

56
CONDIVISIONI

Il video di Do What U Want, secondo singolo di Lady Gaga dall’album ARTPOP, non vedrà mai la luce ed oggi sappiamo perché: la colpa non è della popstar, piuttosto dei suoi partner e di quel brano troppo spinto che ha creato una situazione quasi surreale. Andiamo con ordine: lo scorso autunno, Lady Gaga ha collaborato col rapper R. Kelly e il regista e fotografo Terry Richardson per girare il video musicale di Do What U Want, ma la clip non è mai stata diffusa, mentre solo oggi compare sul portale di TMZ un teaser che farà molto discutere.

Nel mese di gennaio, Lady Gaga ha scritto una lettera aperta ai fan sul suo sito web LittleMonsters per dare una spiegazione del mancato rilascio del video, attribuendo la colpa a scelte produttive del suo management con parole anche piuttosto forti. Ma il problema vero sarebbe un altro.

Un reportage di Page Six sostiene che il video è stato accantonato a causa dei partner di Lady Gaga: R. Kelly ha una reputazione notoriamente discutibile e il fotografo e regista Richardson è stato accusato di cattiva condotta sessuale. Da un lato dunque c’è il musicista, che è stato coinvolto per anni in battaglie legali relative alle accuse di pornografia infantile da cui è stato prosciolto ed è stato accusato di avere rapporti con ragazze minorenni. Dall’altro lato, negli ultimi mesi, modelle che in passato sono state dirette da Richardson lo hanno accusato di molestie sessuali.

Ci sia aggiunga il testo del brano e il problema diventa più che evidente: “Non puoi avere il mio cuore / Né la mia mente, ma / fai quello che vuoi con il mio corpo / Fai quello che vuoi con il mio corpo“, recita il testo di Do What U Want feat. R. Kelly.

In sostanza, la Mother Monster avrebbe rischiato di mettere in circolazione un vero e proprio boomerang: “Gaga ha girato un video diretto da un presunto predatore sessuale, interpretato da un altro predatore sessuale. Con il tema, ‘ho intenzione di fare quello che voglio con il tuo corpo’? Sarebbe stato letteralmente un invito allo stupro” ha riferito una fonte a Page Six. Il discorso non fa una piega.

Secondo il New York Post Lady Gaga era all’oscuro delle accuse di violenza sessuale a carico di Terry Richardson, emerse solo dopo le recenti dichiarazioni di alcune presunte vittime: per il Post tali accuse hanno scosso il pubblico di Gaga e innescato la sua retromarcia sulla pubblicazione del video, che per questo sarebbe stato messo da parte.

Tuttavia, un insider ha rivelato a Us Weekly in esclusiva che Lady Gaga ha deciso di non diffondere il video semplicemente perché non era felice del prodotto finale, che non eel piaceva affatto.

Una parte delle riprese del video di Do What U Want è stata ottenuta da TMZ e diffusa online: le immagini decisamente forti, ai limiti della pornografia, con Gaga e R. Kelly che giocano alla paziente e al dottore, sembrano confermare la tesi riportata dai giornali. A questo punto è certo che il video non uscirà mai, a meno che non sia diffuso online attraverso altri leak.

Commenti (2):
MJH

Claudia Gagliardi riuscirebbe a fare dietrologia pure vedendo una foto di Lady Gaga con il cane al mare…
OPS…l’ha già fatto. Che dici, sei un poco ossessionata?

    Claudia Gagliardi Autore del post

    Ciao MJH, o qualunque sia il tuo nome visto che, a differenza mia, non ti firmi.
    Ti assicuro che:
    1) non sono affatto ossessionata da Gaga come da nessun altro artista: ho trovato alcuni suoi album strepitosi (Born This Way) ed altri deludenti (ARTPOP), ma non nutro nessun particolare sentimento nei suoi confronti;
    2) non si tratta affatto di dietrologia ma di una ricostruzione basata su quanto riportato dalle fonti rigorosamente citate nel pezzo, come si conviene ad ogni buon articolo.

    Ti ringrazio comunque dell’attenzione,
    Claudia

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.