Tensione per iPad Mini Retina da Nexus 8: emersi nuovi dettagli

Il piccolo di Cupertino potrebbe presto fare i conti con un concorrente ingombrante

iPad Mini Retina domina la scena del mercato, preferito da chi necessita di un tablet compatto ed al tempo stesso potente. Per quanto tale situazione permarrà invariata? Non sappiamo dirvelo con certezza, anche se in realtà qualche stravolgimento in programma c’è. Il riferimento è a Nexus 8, la prossima tavoletta griffata Google, la cui produzione verrà probabilmente affidata ad HTC in luogo di Asus (anche se mancano conferme a riguardo).

Il dispositivo dovrebbe andare a sostituire la generazione da 7 pollici, che nel tempo ha dato qualche segno di cedimento e mancato appeal nei confronti dell’utenza. Stando ad alcune indiscrezioni raccolte dal portale The Next Digit, Nexus 8 dovrebbe montare al proprio interno un processore a 64-bit, proprio per fronteggiare degnamente iPad Mini Retina, ed il nuovo Android 4.5 Lollipop, che il colosso di Moutain View presenterà a margine del Google I/O, evento cui, però, il tablet non verrà svelato.

Perché sia presentato, dovremo attendere ancora un po’, più precisamente il mese di luglio, periodo generalmente designato da Google per calare il sipario sulle sue nuove tavolette. Come ti dicevamo, a margine della manifestazione annuale, ci sarà spazio per l’ultimissima versione dell’OS, e per altri servizi destinati al suo utilizzo. iPad Mini Retina troverà pane per i suoi denti soltanto più tardi, quando il Nexus 8 farà il suo ingresso in campo con caratteristiche rinnovate (e scommettiamo da primo della classe), ed un prezzo ancora competitivo.

Se ti stai chiedendo quanto potrebbe costare, la risposta potrebbe essere 299 sterline, ovvero l’equivalente di 365 euro circa, almeno stante ai rumors che si rincorrono insistentemente in rete. Di più, purtroppo, non è dato sapere: non appena ci saranno nuove informazioni a riguardo, non mancheremo di aggiornarti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.