I, Frankenstein: addominali scolpiti e niente bulloni

I, Frankenstein

I, Frankenstein il film

Arriva dopodomani nelle nostre sale I, Frankenstein, il film con Aaron Eckhart nei panni della (non più) mostruosa creatura portata in vita dal dottor Frankenstein con differenti parti di 12 cadaveri diversi (tutti palestrati a quanto pare…).

Adam, questo il suo nome nella pellicola diretta da Stuart Bettie e tratta dalla graphic novel di Kevin Grevioux, è ancora in vita dalla sua creazione avvenuta 200 anni prima e si ritrova coinvolto in una guerra in atto tra le forze del bene, rappresentate dai Gargoyles che cercano di proteggere il pianeta, e quelle del male, con i demoni che, invece, ovviamente, vogliono impossessarsene.

Non aspettatevi, però, il classico mostro con viti e bulloni, come è rappresentata solitamente la famosa creatura, questa volta la troverete in forma (molto in forma, come potete vedere anche nell’ immagine qui in alto a sinistra).

Come ha affermato anche l’attore che ne interpreta il ruolo, per I, Frankenstein si sono concentrati sull’ idea di portare sul grande schermo un essere forte e selvaggio, quasi animalesco, allontanandosi dalla sua rappresentazione vecchio stile.

Aaron Eckhart ha svelato anche che per costruire il fisico che potrete ammirare tra qualche giorno, ha dovuto praticare (e imparare)  un’arte marziale che si chiama Kali e ha lavorato con degli istruttori professionisti per tre mesi, almeno tre ore al giorno per ben cinque giorni a settimana.

L’appuntamento nei cinema italiani con I, Frankenstein parte da giovedì 23 gennaio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.