Gravity. A chi non piace fare l’astronauta? Risponde Clooney

Gravity, ti piaceva fare l'astronauta? Ti risponde Clooney

Gravity. A chi non piace fare l’astronauta? Risponde Clooney

Pesante. Questo l’aggettivo corretto per identificare il primo trailer di Gravity, nuovo film di Alfonso Cuaròn, che fa schizzare l’ago della bilancia qualitativa nonostante l’assenza di gravità. Il regista messicano già noto per aver diretto Harry Potter e il prigioniero di Azkaban nel 2003, e soprattutto I figli degli uomini nel 2006 (se ve lo siete perso, rimediate), in un minuto e mezzo pratica una gastroscopia cinematografica per scovare e trovare una serie di paure che forse in alcuni casi facciamo fatica a riconoscere ma di cui sentiamo bene l’effetto nello stomaco.

Niente demoni, niente sangue, niente splatter, ma questo spezzone mi ha impressionato molto di più di alcuni suoi colleghi nati per terrorizzare. Le immagini sono spettacolari e l’immedesimazione è inevitabile. Chi non sognava di fare l’astronauta da piccolo? Ecco. Ora vi passa la voglia.

Gravity, racconta la storia di due astronauti, la dottoressa Ryan Stone alla sua prima missione spaziale, e Matt Kowalsky che invece è alla sua ultima. Una volta a casa infatti lo attende una meritata pensione. Durante un’uscta all’esterno dello shuttle però le cose si mettono male. Una pioggia di meteoriti colpisce la navicella distruggendola e i due si troveranno a vagare nello spazio. I due protagonisti sono interpretati da George Clooney e Sandra Bullock, due big arrivati nel progetto però solo in un secondo momento. Per il ruolo femminile infatti, si è passati per il rifiuto di Angelina Jolie e Natalie Portman, mentre a rifiutare il ruolo maschile è stato Robert Downey Jr..

L’uscita di Gravity è prevista nelle nostre sale per il 3 ottobre 2013.
Il primo emozionante trailer lo trovate qui.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.