Jelly Bean 4.1.2 Samsung Galaxy Note per i no brand: arrivato l’aggiornamento

5
CONDIVISIONI
Samsung Galaxy Note

Samsung Galaxy Note

Il Samsung Galaxy Note sta ufficialmente ricevendo l’aggiornamento del sistema operativo ad Android Jelly Bean 4.1.2, ponendo fine ad un’attesa che si protrae da diversi mesi e che ha visto il culmine delle lamentele da parte degli utenti venire fuori poche settimane fa, quando un modello appartenente alla stessa categoria, il Samsung Galaxy S2, ha ricevuto lo stesso update per i modelli Vodafone e no brand.

Secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe proprio la variante priva di marchi degli operatori, per il Samsung Galaxy Note, ad aver ricevuto la notifica per portare a termine l’installazione del suddetto aggiornamento. La questione notifica, dal canto suo, mette in risalto il fatto che l’aggiornamento, almeno per ora, dovrebbe essere prevalentemente disponibile via OTA, vale a dire la modalità che di solito tende ad essere preferita dagli utenti. Non è un caso che, nel momento in cui pubblichiamo il nostro articolo, l’aggiornamento non risulta ancora scaricabile via Odin attraverso il noto sito SamMobile.

Solo nelle prossime settimane, invece, i Samsung Galaxy Note in commercio in Italia con il marchio di un operatore potranno toccare con mano Android Jelly Bean.

Commenti (2):
alessandro stiz

una ennesima presa per il culo da parte di samsung,e pensare che ero entusiasta di questa casa ‘ prima il s.y poi s2 (rubato) in seguito il note con l’illusione dell’aggiornamento che…non arriva!
ci stiamo scassando molto!il prossimo mi sa che sara’o sony o htp

Lucio

E’ una sola!!! Ieri risultava l’aggiornamento ma poi durante l’upgrade è andato in power off e niente!!
Con Kies ancora peggio!!! Scarica l’aggiornamento e poi nulla… Il programma resta bloccato.
Samsung dal punto di vista del software lascia proprio a desiderare e poi si lamentano che la gente compra l’IPhone!!!!
Il prossimo non sarà magari un IPhone ma di certo non un Samsung!!!

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.