iPad 4 vs iPad 3: camera, gaming e speed test (video)

7
CONDIVISIONI

iPad 4

L’iPad 4 ha colto alla sprovvista tutti coloro i quali avevano da poco acquistato un iPad di terza generazione, convinti della sua longevità.

Oggi vogliamo spazzare via ogni dubbio, e placare l’angoscia di questi utenti. Chi sia in possesso di un iPad 3, non avvertirà la necessità di passare al modello successivo, o almeno non ancora.

Vi proponiamo, di seguito, tre video interessanti, che paragonano i due tablet dal punto di vista della resa fotografica, del gameing e della velocità prestazionale in generale.

Per quanto riguarda la fotocamera, il primo filmato ci mostra una comparativa tra le camere, che sono fondamentalmente le stesse: 5 megapixel iSight a 1080p. Notate differenze a riguardo? La parola passa a voi, fatecelo sapere. Ad ogni modo, ci teniamo a sottolineare la presenza su iPad 3 di una camera frontale da 0.3 megapixel per video chat, rispetto a quella da 1.2 megapixel HD dell’ultima generazione. http://youtu.be/TKtQmugS-UM

Sul fronte gaming, il parametro da prendere in considerazione interessa le applicazioni coinvolte. I filmati ci mostrano quanto l’iPad 4 risulti più veloce, anche se la differenza francamente non appare (ancora) siderale. Per poter constare l’effettiva potenza del processore A6X, dovremo aspettare che gli sviluppatori mettano a punto applicativi in grado di sfruttarla a pieno. http://youtu.be/5WuwFJxtU4k

Del resto, ci sarà pur un motivo per cui da Cupertino decantavano una capacità prestazionale addirittura raddoppiata. Se volete farvi un’idea del concetto espresso, vi consigliamo di dare un’occhiata all’ultimo video in calce, incentrato sulle modifiche e personalizzazione di alcuni scatti fotografici. Nonostante le velocità di esecuzione nel caso specifico pendano a favore del neonato, finora non abbiamo ancora riscontrato motivi sufficienti per passare da un iPad 3 ad un iPad 4. http://youtu.be/NgU1VGHq93U

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.