Atleti che muoiono, di chi è la colpa?

21
CONDIVISIONI

Vigor BovolentaMens sana in corpore sano. Ma i recenti casi di cronaca scaraventano sul banco degli imputati la pratica dello sport professionistico. Vigor Bovolenta, già esponente di spicco della nazionale italiana di pallavolo, è stato stroncato da un infarto durante un match di campionato minore. Il calciatore Fabrice Muamba del Bolton lotta ancora tra la vita e la morte dopo essersi accasciato sul prato verde. La casistica mondiale, da Curi a Porta,  è un tragico elenco di giovani vite stroncate nel fiore degli anni e del vigore.

La morte  non dovrebbe aver diritto di cittadinanza sui campi sportivi e nelle palestre, ma  quando infierisce costringe tutti noi a dolorose riflessioni. E’ mai possibile che atleti di vertice e super controllati possano esser stroncati in modo così brutale e repentino? Si almanaccano spiegazioni variegate ed interessate che per loro natura non possono esser troppo convincenti: l’evoluzione genetica ha reso lo sport più veloce e più intenso; i calendari sono cresciuti a dismisura riducendo i tempi di recupero; gli atleti di vertice sopportano una pressione mediatica preponderante. Tutto giusto e tutto vero! Ma non può bastare a giustificare la perdita di una giovanissima vita.

Dietro queste morti, insieme alla tragica fatalità, si staglia l’ombra malefica di una serie di sospetti sui quali è necessario che le autorità sportive facciano piena chiarezza: i controlli psico-fisici per la pratica agonistica sono stati compiuti con il necessario scrupolo? La preparazione è stata curata nel rispetto delle caratteristiche personali dell’atleta ? I tempi di recupero sono stati calibrati in modo adeguato alle esigenze della persona e non dei calendari televisivi? Il supporto farmacologico è stato somministrato lecitamente o utilizzato come moltiplicatore surrettizio di potenza ed energia ?

Questi quesiti da amante dello sport e della vita mi martellano il cervello. Ed i brutti pensieri affollano la mia testa. E voi cosa ne pensate? 

Commenti (1):
pepito

Caro peppe è assurdo che accadano cose del genere ad altissimi livelli. Sono daccordo con te su molte cose. Non c’è una sola causa. Occorrono controlli migliori ed adeguati e soprattutto personalizzati. E purtroppo in queste circostanze non si può fare a meno di pensare male. L’integrazione con farmaci per migliorare le prestazioni potrebbero contribuire in modo determinante a scatenare episodi del genere, Saluti

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.