Planking in casa Apple: dipendente licenziato

7
CONDIVISIONI

Nell’epoca in cui il web pervade la nostra società, esistono grandi potenzialità per iniziative creative dai risvolti positivi e propositivi, ma, allo stesso tempo, vi sono anche alcune mode che di sensato hanno ben poco e che, di conseguenza, possono avere anche dei risvolti negativi.Vedere per credere il fenomeno “Planking”, con il quale le persone si lasciano fotografare in strani contesti, distesi e con il volto diretto verso il basso. Dopo la vittima in Australia, stavolta a farne le spese, almeno da un punto di vista professionale, è Paul Phillips, “genius” di Apple, beccato sul posto di lavoro a fare planking: il suo capo, appena l’ha scoperto, non ha esitato a cacciarlo via, anche se Phillips, dalle interviste rilasciate, non pare essere così dispiaciuto di non lavorare più per il colosso di Cupertino.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.