Google non suggerisce più megavideo e torrent

Anche Google cerca di dare il suo contributo alla lotta contro la pirateria, provando a puntare sul dettaglio. Come riportato da diversi blogger americani, infatti, il motore di ricerca avrebbe eliminato dalle keywords predefinite, durante la digitazione da parte dell’utenza, il suggerimento per atterrare su siti come Rapidshare e Megavideo.

Aspetto non trascurabile, considerando il successo ottenuto da un servizio di questo tipo. Come se non bastasse, i vertici di Mountain View hanno deciso di dichiarare “guerra” anche ai siti torrent, evitando, più in particolare, suggerimenti a BitTorrent. Al momento, però, è quest’ultimo aspetto ad essere il più controverso: non tutti i tracker legati al mondo torrent sembrano essere interessati dal provvedimento, considerando che siti come The Pirate Bay, BitComet, e BitLord continuano ad essere suggeriti.

Da Torrentfreak.com

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.